menu.jpg
Home Ospitalita in Anghiari Itinerari in Anghiari Contatta Anghiari
Come arrivare e cosa visitare ad Anghiari La community di Anghiari
Anghiari

LA BATTAGLIA DI ANGHIARI

Battaglia di Anghiari.

La fama di Anghiari deriva principalmente dal fatto di essere stata teatro della Battaglia combattuta Mercoledì 29 Giugno dell'anno 1440 tra i Fiorentini, vincitori, guidati da Michelotto Attendolo e Giampaolo Orsini ed i Milanesi, condotti da Niccolò Piccinino. La battaglia viene così ironicamente ricordata dal Machiavelli: "Ed in tanta rotta e in si lunga zuffa che durò dalle venti alle ventiquattro ore, non vi morì che un uomo, il quale non di ferite ne d'altro virtuoso colpo, ma caduto da cavallo e calpesto spirò".

Ma, ricorda Piero Bargellini che se il bilancio guerresco risultava così modesto, non altrettanto scarso fu il bilancio politico della Battaglia d'Anghiari; infatti, il Machiavelli sottolinea, questa volta con maggior senso storico, che "…la vittoria fu molto più utile per la Toscana che dannosa per il duca (di Milano), perché se i Fiorentini perdevano la giornata, la Toscana era sua; e perdendo quello, non perdè altro che le armi e i cavalli del suo esercito, i quali con non molti danari si possono ricuperare".

Peter Paul Rubens, conservato al Museo del Louvre a Parigi

La battaglia sarebbe stata sicuramente dimenticata dalla storia se i Magistrati di Firenze, per decorare le sale di Palazzo Vecchio con pitture che ricordassero le principali imprese della Repubblica, non avessero affidato a Leonardo da Vinci, il compito di dipingerla. Una volta elaborati i cartoni, fu tradotta in parete la parte mediana, cioè il combattimento intorno alla bandiera.

Danneggiato da un artificioso processo di essiccamento, il dipinto, incompiuto, andò distrutto per far posto alle decorazioni del Vasari. I celebri disegni di Leonardo che, come afferma il Cellini, furono la "scuola del mondo", sono andati perduti e ne rimane testimonianza attraverso quelli del Rubens, oggi al Louvre di Parigi, ed un'opera, datata intorno al 1470 ed attribuita al pittore Biagio di Antonio della scuola di Paolo Uccello che si trova oggi alla National Gallery of Ireland di Dublino.

 ANGHIARI

la battaglia di anghiari

storia di un angolo di toscana

attività culturali

 SISTEMA MUSEALE

musei
il centro storico
castelli e ville
tra pievi e conventi
i luoghi francescani
archeologia industriale
servizi ed attività

 IMMERSI NELLA NATURA

la via dell'acqua
la Valsovara
aree naturali protette
itinerari nella natura
la fabbrica della natura

 BOTTEGHE D'ARTE

antiquari per tradizione
arti e mestieri

le botteghe del centro storico

la mostra mercato dell'artigianato

 VIAGGIO NEI SAPORI

terra di confine, incontro di sapori

la strada dei sapori valtiberina toscana

i centogusti dell'appennino

 

 

 

         
Comune di Anghiari Anghiari Città Slow Anghiari, uno dei Borghi più belli d'Italia Anghiari, Paese Bandiera Arancione Anghiari, città della ceramica

anghiari official web site

copyright e termini di utilizzo